Al termine dell'ultimo allenamento settimanale mister Ezio Capuano ha tenuto la conferenza stampa di presentazione di Avellino-Picerno, che si disputerà allo stadio "Partenio-Lombardi" alle ore 17.30.

"Domani sarà uno spareggio - ha dichiarato il mister - noi ci arriviamo con tante difficoltà ma con la consapevolezza che vincere vorrebbe dire mettere 7 punti più lo scontro diretto a favore tra noi e loro. Non mancherà l'impegno, l'abnegazione e sopratutto un attaccamento a questa maglia che la squadra ha dimostrato partita dopo partita".

L'Avellino è reduce da due sconfitte di fila "ma il campo ha dimostrato che lavoriamo e che traduciamo nei 90 minuti quello che facciamo durante la settimana. I risultati magari non ci hanno dato ragione ma le prestazioni si. Ora, data anche la delicatezza del match, servirà il supporto di tutti per trovare anche il risultato. La curva ci deve aiutare e sono sicuro che lo farà".

Sui nuovi arrivi: "Bertolo lamenta un problema alla caviglia ma sarà a disposizione. Si sta rimettendo al pieno della condizione e deve chiaramente adeguarsi alle nostre richieste tattiche. Va premesso che chiunque arriva ad Avellino trova delle difficoltà perchè le nostre richieste in termini di allenamento sono molto alte. Federico si è allenato con la squadra, ancora non so se sarà a disposizione o meno ma ho visto un giocatore di grande quantità. Su Dini - ha chiosato Capuano - mi preme ringraziare a nome mio e a nome di tutta l'area tecnica il Parma per aver reso possibile un'operazione non semplice. Dopo l'infortunio di Tonti hanno fatto di tutto per rendere disponibile Dini già per domenica".

"Abbiamo un bollettino di guerra - ha concluso il mister - ma non voglio nè lamentarmi nè dare vantaggi al Picerno. Il piangere è un desiderio del debole, la convinzione è una sicurezza del forte. Tonti si è allenato solo stamattina, Celjak ha diversi punti alla mano mentre l'assenza di Parisi ci fa perdere sicuramente tanto in fase di spinta ed opzioni. Qualcosa mi inventerò, ma indipendentemente dalle presenze ci sarà un Avellino che suderà e lotterà allo stremo".