Si ferma a 6 la striscia di risultati utili dell'Us Avellino. Al San Nicola di Bari i padroni di casa ottengono i 3 punti grazie al 2-1 maturato al termine dei 90' di gioco. L'Avellino ha reagito ad uno svantaggio di due reti e, dopo il goal di Diego Albadoro, ha provato il forcing finale per agguantare il pari ma non è bastato.

Le assenze (squalifiche di Alfageme ed Albadoro, infortunio per Sandomenico) in attacco obbligano mister Capuano a gestire i suoi uomini: 3-4-3 per i biancoverdi con Izzillo e Micovschi a supporto di Albadoro. Dall'altra parte i galletti schierano Laribi dietro ad Antenucci e Simeri.

Al 12' la prima azione pericolosa è dell'Avellino con un tiro-cross di Micovschi sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Al 16' Simeri replica con un tiro da fuori area. Il solito Parisi prova a spezzare il ritmo del Bari con una giocata personale al 26' ma sono i padroni di casa, al 30', a trovare il goal del vantaggio: Antenucci insacca dopo una verticalizzazione ed una spizzata di Simeri su cui la difesa biancoverde non riesce ad intervenire. Il Bari prende campo, al 35' Simeri trova la via del goal ma l'arbitro segnala una posizione di fuorigioco. Costa sulla sinistra spinge, Morero devia. Al 41' grandissima palla goal per l'Avellino: Parisi si invola sulla fascia e mette in mezzo per Albadoro, che anticipa tutti ma non riesce ad inquadrare lo specchio della porta.

Dopo 5' minuti dalla ripresa Perrotta (ex di turno insieme a Frattali) sigla il raddoppio. L'Avellino non demorde e, complice l'innesto di forze fresche dalla panchina, trova minuto dopo minuto coraggio e ritorna a spingere. Al 30' del secondo tempo è Albadoro a ribattere in rete una bella conclusione di Ferretti dal limite. Gli ultimi assalti si rivelano però infruttuosi ed il Bari si aggiudica l'intera posta in palio.

"Sono state due partite differenti in una - ha commentato mister Capuano - i goal nascono da due situazioni tattiche differenti e sono molto arrabbiato per come è maturato il secondo, lavoriamo in settimana proprio per evitare simili sbagli. Queste sono disattenzioni che ci costano la gara. Siamo cresciuti nel secondo tempo, ripartiamo da lì. Il Bari ha gestito ma ha tirato molto poco in porta. Per quel che riguarda il prosieguo del campionato, non abbiamo paura di nessuno. Il girone di ritorno è totalmente diverso, tutte le squadre vogliono fare punti quindi nulla è già scritto. Il cammino è ancora lungo e tortuoso".

"Il rammarico nasce dall'aver preso subito goal nel secondo tempo - dichiara Daniele Ferretti - perchè nei 90' non abbiamo concesso molto. Il Bari è una grande squadra, lo sapevamo e ci ha punito. Il mio mese ad Avellino? Non posso che avere buone sensazioni, il solo indossare questa maglia è un orgoglio. Ora pensiamo a chiudere al meglio".

Bari Avellino 2 a 1, il tabellino

Marcatori: 30' pt Antenucci, 5' st Perrotta, 30' st Albadoro.

Bari (4-3-1-2): Frattali, Ciofani, Sabbione, Pettotta, Costa; Maita, Bianco (13' st Schiavone), Scavone (30' st Hamlili), Laribi (30' st Terrani), Antenucci (31' st D'Ursi), Simeri (46' st Berra).

A disp.: Liso, Marfella, Di Cesare, Costantino, Corsinelli, Pinto, Folorunsho.

All.: Vivarini.

Avellino (3-5-2): Dini; Laezza, Morero (1' st Garofalo), Illanes; Celjak, De Marco (1' st Rizzo), Di Paolantonio, Izzillo (8' st Ferretti), Parisi; Micovschi (28' st Evangelista), Albadoro.

A disp.: Tonti, Zullo, Rossetti, Bertolo, Njie, Federico.

All.: Capuano.

Arbitro: Cudini di Fermo.

Assistenti: Severino di Campobasso e Cubicciotti di Nichelino.

Ammoniti: ammoniti 10' pt Sabbione, 36' pt Di Paolantonio (gioco scorretto);

Angoli 6-5;

Recuperi 0' pt e 4' st.